Lun- Ven, 9.oo - 17.oo
Lingua
Home  |  TOUR D'ORTLES

IL TOUR D'ORTLES

IL BREVETTO RANDONNEE' DELLE MITICHE MONTAGNE

Il fiore all’occhiello della Società senz’altro è l’organizzazione del brevetto Tour D’Ortles, prova di campionato Italiano Challenge Randonnée extreme unico nel suo genere così definito il brevetto delle mitiche montagne. Il brevetto è nato per la volontà di Giancarlo CONCIN già Presidente del Club, che nel lontano 1988, con i pionieri del Club, diede inizio, quasi per scherzo, alla manifestazione che allora veniva effettuata come granfondo.  

Il brevetto Randonnèe Tour d’Ortles si svolge lungo uno tra i più affascinanti percorsi alpini di tutta Europa. Un incontro ravvicinato con i colossi ghiacciati dell’Ortles – Cevedale, dove s’incontrano Alto Adige, Lombardia e Trentino: l’itinerario racchiude tutto il territorio del Parco Nazionale dello Stelvio.

Cosi si potrebbe riassumere questo tour ciclistico che comprende quattro passi alpini (due grandissimi come Stelvio e Gavia, due outsider come Tonale e Palade), con un dislivello complessivo di 5.700 metri distribuiti lungo un tracciato di 250 chilometri e con temperature che possono oscillare tra i 35°C della pianura e i 5°C degli oltre 2.700 metri di altitudine del passo Stelvio. Sono richieste forza, resistenza, carattere atletico e capacità di saper dosare le proprie forze.

IL PERCORSO

TOUR D'ORTLES

La parte iniziale del tracciato si sviluppa lungo la bella e placida pista ciclabile della Val Venosta che si presenta come una lunga conca con borghi pittoreschi come, per esempio, Naturno, sovrastato da Castel Juval e Castelbello, dominato da un antico maniero. Poi, a Prato allo Stelvio, i partecipanti salgono il Passo dello Stelvio (27 chilometri lungo i celebri 48 tornanti): è una delle più classiche e spettacolari ascese di tutte le Alpi. Superato il controllo del passo Stelvio si raggiunge Bormio e si prosegue per Santa Caterina Valfurva per scalare il passo Gavia: un’altra leggenda da conquistare con fatica. A seguire, la discesa verso Ponte di Legno per poi salire verso passo Tonale, terzo controllo e ascesa che, rispetto alle precedenti, è molto più agevole. Dall’alta Val di Sole si scende per Vermiglio, costeggiando le fortificazioni austro-ungariche (Forte Strino), con il ghiacciaio della Presanella (3556 m) sulla destra. Si prosegue per Dimaro, Malè, Ponte di Mostizzolo, Revò e Fondo, per attaccare l’ultima salita: il passo Palade località del quarto e ultimo controllo. Infine, la discesa verso Lana e Merano in vista del traguardo. Il tempo massimo di percorrenza è di 20 ore. Si tratta, indubbiamente, di una Randonnèe impegnativa che offre in cambio emozioni e panorami impagabili. Il brevetto Tour d’Ortles è valido come prova di campionato Italiano Extreme Challenge. I brevetti Extreme hanno moltiplicatore 1,5 al fine del conteggio dei km per il Campionato Italiano.

ROADBOOK ALTIMETRIA E FILE GPS

TOUR D'ORTLES

DATI ED ALTIMETRIE PASSI

TOUR D'ORTLES

PASSO STELVIO

Da Prato allo Stelvio al Passo dello Stelvio: 

si percorrono circa 25 Km, partendo da una quota molto bassa, 907 metri sul livello del mare, fino a raggiungere la vetta a 2758 metri, 1851 metri di dislivello con tratti molto pedalabili che non superano il 9% di pendenza.

Questa salita è una delle più affascinanti d'Europa. Si inizia abbastanza facilmente: dopo il centro di Prato allo Stelvio, per i primi 4,5 Km, la strada prosegue piuttosto lineare seguendo il vicino torrente Solda. Superato Gomagoi, le pendenze iniziano ad aumentare e, dopo una svolta a sinistra, si affronta il primo dei 48 tornanti. Da quota 1360 metri in poi ci sono pochi tratti per respirare, la salita infatti prosegue costante tornante dopo tornante. Giunti a Trafoi si affronta il tratto più impegnativo, dopo il bivio delle 3 Fontane ci si trova proprio sul fianco della montagna, con la strada che entra in una fitta pineta. Arrivati a questo punto siamo quasi a metà percorso e restano ancora 1100 metri di dislivello da superare. Il punto più impegnativo della salita allo Stelvio da Prato è nei pressi dell'albergo Weisser Knot, man mano che si sale il panorama che si spalanca sotto i nostri occhi è maestoso, la fatica si farà sentire e alzando gli occhi al cielo si potrà vedere la vetta. Questo tratto è un pò insidioso, la strada infatti si stringe leggermente per poi affacciarsi su un rettilineo che da un po' di respiro.

Al km 17 siamo quasi giunti sulle cime dell'Ortles ad una quota di 2094 metri, gli ultimi alberi ci abbandonano e si entra nel tratto senza vegetazione dove si può trovare sempre della neve o della pioggia. A 7 Km dalla vetta la pendenza è del 8-9% e impone di salire con regolarità senza alcun tratto per poter fiatare. Le ore migliori per salire sono sicuramente la mattina presto, anche per evitare le auto lungo in tornanti che arrivano dal vicino Albergo Franzen e che ci costringerebbero a mettere il piede a terra. Da quota 2614 si avverte la sensazione dell'impresa, manca infatti 1 km e mezzo per superare il traguardo.

 

ALTIMETRIA DEL PASSO DELLO STELVIO

  • Partenza: Prato allo Stelvio 907 m
  • Arrivo: Passo dello Stelvio 2758 m
  • Lunghezza: 24.7 km
  • Dislivello: 1851 m
  • Pendenza Media: 7.5 %
  • Pendenza Massima: 12%

 

 

PASSO GAVIA

Da Bormio al Passo del Gavia:

Il Passo Gaviaha un altitudine 2.621 s.l.m. e collega - solo durante la stagione estiva - la provincia di Sondrio con quella di Brescia.

Con una strada stretta e con poco traffico automobilistico, il Passo Gavia è uno dei valichi alpini più alti e per questo è meta di ciclisti e motociclisti provenienti da tutta Europa. E' stato più volte percorso dalla carovana del Giro d'Italia, da quando fu scoperta nel 1960 Vincenzo Torriani.

La salita in bici al Passo del Gavia, dal versante valtellinese prevede la partenza da Bormio (1220 m s.l.m.) e sale per ben 26 km con tratti molto impegnativi.

La salita al Passo del Gavia è molto particolare, in quanto prevede una serie infinita di tratti semplici e pedalabili con tratti molto impegnativi, con un lungo falsopiano negli ultimi 3 km.

Si parte da Bormio e ci si dirige verso Santa Caterina Valfurva, su una strada ampia con due strappi con pendenza di rilievo. Dopo di che la strada si restringe e si affronta una serie di tornanti. Ci sono tratti facili, in cui si può riprendere fiato e gustarsi il panorama, intervallati con tratti impegnativi con pendenze importanti. Il finale è semplice, ma si intravede la cima solamente a poche centinaia di metri, affiancando il laghetto.

 

ALTIMETRIA DEL PASSO DEL GAVIA

  • Partenza: Bormio 1.215 m
  • Arrivo: Passo del Gavia 2.621 m
  • Lunghezza: 25.6 km
  • Dislivello: 1.406 m
  • Pendenza Media: 5.5 %
  • Pendenza Massima: 15%

 

 

PASSO DEL TONALE

Passo del Tonale da Ponte di Legno:

Da Ponte di Legno si prosegue lungo la SS 42 del Tonale e della Mendola sul falsopiano che, al primo tornante, conduce a destra all'imbocco della scenografica Val Sozzine. Le pendenze si aggirano intorno al 6-7% e tutta la salita è costante, non presentando tratti troppo difficili. La strada prosegue con diversi tornanti e rettilinei che si inoltrano nel bosco, giungendo in prossimità della stazione intermedia dalla telecabina Pontedilegno-Tonale; si esce dal bosco e si prosegue fino al tratto più impegnativo, superato il quale la strada si spiana in prossimità del Passo del Tonale e offre un'ampia visuale sul gruppo dell'Adamello. Ormai in piano, si valica il confine tra la Lombardia e il Trentino e, scendendo sul versante opposto, ci si immette in Val di Sole.

 

ALTIMETRIA DEL PASSO DEL TONALE

  • Partenza: Ponte di Legno 1.258 m
  • Arrivo: Passo del Tonale 1.884 m
  • Lunghezza: 10 km
  • Dislivello: 626m
  • Pendenza Media: 6 %
  • Pendenza Massima: 8%

 

 

PASSO DELLE PALADE

Passo della Palade da Fondo:

Si tratta di un'antica via di comunicazione, menzionata la prima volta in un privilegio dei conti del Tirolo del 1363 quale Campen; sin dal 1562 è attestato il pedaggio viario chiesto ai viandanti sulla sommità del passo sempre da parte dei conti tirolesi.

Dal 1810 al 1815 il confine tra il Regno d'Italia, appena fondato da Napoleone, al sud e il Regno di Baviera al nord passava di qui.

Presso il passo, si trova lo sbarramento le Palade che custodisce una delle opere difensive più grandi del vallo alpino in Alto Adige, con un volume di scavo pari a 25.000 m³. Oggigiorno l'opera è stata riadattata per ospitare un museo ed una galleria - la Gampen Gallery - che può ospitare mostre temporanee.

Dopo il Bivio per Castel Fondo, incomincia la salita anche se non è contemplata ai fini del calcolo della lunghezza e pendenza, con la salita del Passo delle Palade, che ai fini statistici, trova inizio invece nel paese di Fondo laddove la strada forma un’intersezione stradale e dove si svolta a sinistra verso il passo. Si percorre la strada verso Tret (1162m) laddove sulla destra si dirama il tracciato che sale ripidamente verso l’omonimo lago. Da lì a poco si entra in provincia di Bolzano e, dopo un ardito ponte sul profondo burrone in fondo al quale scorre il rio San Felice, si raggiunge in forte salita San Felice/St.Felix (1265m), capoluogo del comune di Senale-San Felice; la strada supera con un altro ponte la profonda valle del Rio dei Molini, passa sopra le baite di Malgasott (1332m) e sale moderatamente a mezza costa tra i prati con ampio panorama su tutta l'Anaunia, le Dolomiti di Brenta ed in lontananza il gruppo dell'Adamello; si supera San Cristoforo (1287m), villaggio che si lascia sulla sinistra del tracciato.

Si entra nella boscosa Valle di Senale e dopo un tratto di forte salita si lascia a sinistra una ripida diramazione che in 700 metri scende al paesino di Senale/Unsere Liebe Frau in Walde (1355m), dove nel cimitero sorge il gotico santuario-parrocchia della Madonna di Senale.
La pendenza diventa moderata e la strada si snoda in ambiente più solitario ed alpestre in mezzo ai boschi fino al passo (1513m)

 

ALTIMETRIA DEL PASSO DELLE PALADE

  • Partenza: Fondo 988 m
  • Arrivo: Passo delle Palade 1.513 m
  • Lunghezza da Fondo (punto di inizio Passo Palade): 13 km  
  • Lunghezza dal bivio di Castel Fondo (punto di inizio della salita): 15,600 km
  • Dislivello: 626m
  • Pendenza Media: 4,1 %
  • Pendenza Massima: 7%

UTILI INFORMAZIONI

TOUR D'ORTLES

  • Apertura iscrizioni 29 Gennaio 2022;
  • Chiusura iscrizioni 30 Giugno 2022;
  • Quando: 02 luglio 2022;
  • Dove: Merano (BZ);
  • Luogo della partenza: Merano via Piave 46 presso tennis center;
  • Luogo dell'arrivo: Merano via Piave 46 presso tennis center;
  • Massimo partecipanti: 250;
  • Tempo massimo: 20 ore;
  • Distanza: 250 km: Omologazione: ACP/BRM;
  • Dislivello: 5.660 mt.
  • Orario di partenza: ore 05:30;
  • Tipo di partenza: in linea.

La consegna dei Randopack, avverrà presso la sede dell’Athletic Club Merano sita in Via Piave nr. 46 Merano (Tennis Center), dalle 15:00 alle ore 20:00 di venerdi 01 Luglio 2022 e dalle ore 04:00 alle ore 05:00 di sabato 02 luglio 2022. 

CHI PUO' ISCRIVERSI AL TOUR D'ORTLES

TOUR D'ORTLES

La partecipazione alla manifestazione è aperta a tutti i cicloamatori che abbiano compiuto 18 anni fino a 75 anni compiuti, tesserati ACSI, F.C.I. o enti di promozione sportiva in possesso del certificato medico d’idoneità alla pratica sportiva agonistica del ciclismo di cui all’art.4 del D.M. 16/24.04.2013 in corso di validità per tutta la durata dell’evento e ai cicloamatori stranieri in possesso della licenza UCI valida per l’anno in cui si tiene la manifestazione, rilasciata dalla propria Federazione Ciclistica Nazionale, nonché a tutti i cicloamatori previa presentazione del certificato medico d’idoneità alla pratica sportiva agonistica del ciclismo di cui all’art 4 del DM 164/24.4.2013 in corso di validità per tutta la durata dell’evento. Inoltre è aperta ai tesserati degli Enti che hanno sottoscritto la convenzione con la F.C.I. per l’anno in cui si tiene la manifestazione. 

QUOTE DI PARTECIPAZIONE

QUOTE RISERVATE AGLI ATLETI TESSERATI CON UN ENTE DI PROMOZIONE SPORTIVA:

  • Dal 29/01/2022 al 12/06/2022 € 49,00 (+ commissione di servizio) 
  • Dal 13/06/2022 al 26/06/2022 € 54,00 (+ commissione di servizio)
  • Dal 27/06/2022 al 30/06/2022 € 59,00 (+ commissione di servizio)

QUOTE DI PARTECIPAZIONE

QUOTE RISERVATE AGLI ATLETI NON TESSERATI CON UN ENTE DI PROMOZIONE SPORTIVA:

Le sottostanti quote sono riservate agli Atleti che non sono tesserati ad un Ente di promozione sportiva e pertanto non assicurati; L'opzione contempla quindi l'attivazione obbligatoria della polizza assicurativa Potenza Assicurazioni: 

  • Dal 29/01/2022 al 06/06/2022 € 55,00 (+ commissione di servizio) 
  • Dal 07/06/2022 al 27/06/2022 € 60,00 (+ commissione di servizio)
  • Dal 28/06/2022 al 30/06/2022 € 65,00 (+ commissione di servizio)
  • Non è possibile iscriversi il giorno della manifestazione!

QUOTE FACOLTATIVE

TOUR D'ORTLES

  • Per omologare il brevetto da ARI AUDAX € 1,00; 
  • Codice acquisto DataHealth® € 2,90 (per archiviare il certificato medico sul portale).

COSA E' COMPRESO CON LA QUOTA DI ISCRZIONE

TOUR D'ORTLES

  • Trasporto zaino dalla sede della partenza al passo dello Stelvio, riconsegna nella zona d'arrivo.
  • Ristori a tutti i posti di controllo (Passo Stelvio, Passo Gavia, Passo Tonale, Passo Palade).
  • Pasta party finale bevande escluse.
  • Diploma di finisher in formato elettronico.
  • Controllo elettronico dei passaggi.
  • Tracciamento GPS con traker. 
  • Esclusiva Jersey NALINI  Tour d'Ortles per i finisher!

La consegna dei Randopack, avverrà presso la sede dell’Athletic Club Merano sita in Via Piave nr. 46 Merano (Tennis Center), dalle 15:00 alle ore 20:00 di venerdi 01 Luglio 2022 e dalle ore 04:00 alle ore 05:00 di sabato 02 luglio 2022. 

LA MAGLIETTA UFFICIALE DEL TOUR D'ORTLES

NALINI

 

Il Tour d'Ortles, come poche altre manifestazioni, ha la propria maglietta ufficiale cui omaggiare tutti i finisher. Ovviamente per pregiarsi di questa esclusiva maglietta, non basta cimentarsi nella massacrante prova, bisogna portarla a termine. 

Solo chi sarà inserito nella lista delle omologazioni presente sul nostro sito internet potrà ritenersi un finisher del Tour d'Ortles e di fatto possedere e vestire con orgoglio la maglietta.

L'omologazione è abbinata all'attestato che è stato rilasciato per conto della ASD Athletic Club Merano. La detenzione e la vestizione della maglietta ufficiale del Tour d'Ortles, è compatibile solo per chi figura nella lista delle omologazioni, ovvero per chi abbia portato a termine la prova ufficiale del Tour d'Ortles e figuri nell'elenco dei Finisher. La ASD Atlhteic Club Merano, a tutela della propria immagine, diffida tutti i brevettati che abbiano ricevuto la maglietta nel corso delle partecipazioni al Tour d'Ortles, a cedere e/o a farla indossare a persone terze senza eccezione alcuna. La ASD Athletic Club Merano, diffida chiunque, a produrre, far produrre copie o similari della maglietta del Tour d'Ortles e comunque ad utilizzare il logo del Tour d'Ortles.

 

DESCRIZIONE : Maglia manica corta, tessuto 17834 per dietro, collo e tasca, tessuto factory per manica a taglio vivo,  fettuccia reflex su tasche,  3 tasche finite in alto con bordino rifrangente 618/20, fondo maglia finito con elastico t-evo h. 45 mm,  lampo lunga nascosta.

CARATTERISTICHE DEI BREVETTI EXTREME

TOUR D'ORTLES

  •    200 km >    3.500 mt/disl
  •    300 km >    5.000 mt/disl
  •    400 km >    6.500 mt/disl
  •    600 km >    9.000 mt/disl
  •  1000 km >  13.000 mt/disl
  • (tolleranza: + – 5%) il dislivello va calcolato con metodo openrunner.
I NOSTRI SOSTENITORI